NOCINO

Liquore dolce a base di noci, dal colore marrone e dall'aroma pungente.

Ingredienti: alcool, zucchero, acqua, cannella, chiodi di garofano, noce

Usi e tradizioni
Secondo la tradizione, le noci necessarie per preparare questo liquore devono essere colte il giorno della festività del Martirio di san Giovanni Battista, il 29 agosto, affinchè questo liquore, digestivo e curativo dei dolori dello stomaco abbia i suoi effetti terapeutici. L'infuso si può filtrare nel giorno di San Domenico, il 4 agosto. Il nocino va servito a fine pasto, come digestivo, ai commensali in bicchierini da liquore.

Cenni culturali
Nel tempo la produzione dei liquori si è sviluppata per entrare nella tradizione genericamente borghese della provincia pentra e quindi fare mostra di sè nei salotti di vario tipo. Parafrasando un'espressione benedettina, si narra che "dei liquori molisani i prati, i monti, i boschi sono l'inesauribile dispensa". Particolarmente vasti e fecondi sono gli erbari naturali del Matese, l'altissimo Molise e la montagna di Frosolone. I liquori molisani servivano per le "creanze". Essenziali alle "creanze" erano il decoro, il modo con il quale esse si facevano; oggetti, atteggiamenti, tratti che servivano a conservare e rinnovare l'immagine di calore e cortesia connaturata con la gente della nostra terra.

Descrizione trasformazione
Tagliate a pezzi le noci verdi e mettetele in infusione nell'alcool in un barattolo di vetro, ben chiuso, da tenere esposto al sole per circa un mese. Alla fine di questo periodo aggiungete i chiodi di garofano, la cannella e lasciate aromatizzare per qualche giorno. Intanto preparate lo sciroppo con acqua e zucchero facendolo bollire per qualche minuto indi fatelo raffreddare e unitelo all'infuso. Filtrate il tutto ed imbottigliate il liquore ricavato. Questo dovrà maturare per almeno 2 mesi prima di essere consumato.

Pubblicazioni
“La cucina molisana”, A. M. Lombardi- R. Mastropaolo, Ed. Cultura e Sport, Teramo, 1995, “La tavola dei sapori”, Circolo Rurale del Molise

Azioni sul documento
Comune di origine: Frosolone, Agnone, Rionero Sannitico, Capracotta, Vastogirardi
  • Prodotti vitivinicoli,
    bevande analcoliche, distillati e liquori
Certificazioni e Riconoscimenti: Prodotto Agroalimentare Tradizionale
Periodo di preparazione: Luglio, Agosto, Settembre, Giugno
Periodo storico: Periodo del dominio dei centri monastici: longobardi, impero carolingio e impero medievale