MELA PIANA

Nome dialettale: Mil

Ottimo frutto dal sapore leggermente acidulo, croccante e aromatico.

Ingredienti: mela

Contenente molta acqua, poche proteine, grassi e sodio, apporta vitamine C, PP, B1, B2 e A, ed ha un'azione diuretica e dissetante.

Preparazione
produzione biologica

Caratteristiche morfologiche:
Pezzatura media e forma appiattita-arrotondata.

Caratteristiche organolettiche sensoriali:
Tipico, intenso, persistente.Buccia generalmente di colore verde.Gradevole, dolce acidulo.

Usi e tradizioni

Cenni culturali
Il consumo abitudinario di questo frutto e della frutta in generale e dei suoi derivati, deve essere ricollegato anche al lungo e particolare buon grado di conservazione dopo il raccolto che esso rivela quando viene steso sui vimini nelle grotte e nei sotterranei (cantine). Per la grande sapienza di quel popolo, nell’utilizzo delle risorse alimentari e per la diffusione dell’albero sulle colture dove si trovano le loro cinte megalitiche è molto probabile che essi gustassero questo prelibato frutto. Una particolare cura di questi prodotti deve esserci stata grazie alle piantagioni volute dai benedettini e al potere dell’Abbazia.

Modalità di stagionatura/invecchiamento
stagionato locali areati naturalmente

Descrizione trasformazione
La conservazione delle mele può avvenire in frigo per oltre un mese, lontano da verdure con foglie poiché le mele producono un gas naturale (l’etilene), che può danneggiarle. Inoltre, durante la conservazione va controllato spesso se alcune di esse marciscono: in tal caso, bisogna rimuoverle poiché con il contatto, faranno marcire anche le altre. A temperatura ambiente bisogna tenerle in un luogo fresco, asciutto e lontano dalla luce per cui possono durare anche un mese. Se si vogliono surgelare, bisogna farlo solo previa cottura della polpa.

Coltivazione/produzione materia prima
I terreni vengono coltivati secondo le regole dell’agricoltura biologica ossia non si utilizzano concimi minerali e prodotti fitosanitari non ammessi dal Reg. CEE 2092/91. Tutte le pratiche colturali sono realizzate nel rispetto dell’ambiente, salvaguardando l’ecosistema naturale locale.

Pubblicazioni
La diversità  agronomica perduta. Indagine sulle antiche varietà colturali nel versante orientale della Majella, Di Santo M. , Madonna N., Ianieri, 2002

Azioni sul documento

Secondo commento AGGIORNATO

Inviato da abstract il 12:19
secondo commento del 25 Maggio 2011
Comune di origine: Castel del Giudice
  • Prodotto della terra,
    prodotti vegetali
Certificazioni e Riconoscimenti: DOC
Periodo di preparazione: Ottobre, Settembre
Periodo storico: Periodo del dominio dei centri monastici: longobardi, impero carolingio e impero medievale, Sviluppo delle civiltà dal periodo protostorico ai primi sanniti (dal dominio dei nomadi guerrieri sui monti con il controllo delle valli alla civiltà mediterranea e transumante}