Carpinone

Il castello Caldora che domina l'abitato e il borgo medievale con le sue suggestive scalinate, conferiscono al paese un'autentica vocazione turistica.

Di origini medievali, Carpinone si estende su di un colle nascosto da verdeggianti monti, poco distante dalla città di Isernia. Simbolo del paese resta il castello Caldora, risalente all'anno 1000, appartenuto anche ai D'Evoli, ai Ciciniello e alla famiglia spagnola dei Della Quadra. Il castello si erge sulla sommità del colle, con il lato nord a strapiombo su di una rupe, ed i restanti lati cinti da due ordini di fortificazioni dalla caratteristica forma ad U. La prima cinta abbraccia a difesa il Castello, insieme ad un piccolo gruppo di case che prende il nome di " Cittadella". Più in basso, la seconda cinta muraria si sviluppa a protezione del centro storico, pittoresco per i suoi stretti vicoli lastricati e i tetti delle case ricoperti di "lisce" (lastre di pietra locale).

Nelle vicinanze del castello si trova la chiesa di Santa Maria Assunta in cielo, d'impianto rinascimentale, dove sono conservate le spoglie di San Rocco Celestino martire, e al cui interno si trova un bellissimo altare in marmo del 1617, arricchito da sculture barocche. Nel paese sono presenti altre chiesette, fra le quali la chiesa di San Rocco, nella quale si trova un organo di fine XVIII sec. in legno intagliato e traforato, e la chiesa di Santa Maria delle Grotte, alla quale si accede tramite una sontuosa scalinata in pietra.

Per gli amanti della natura è d'obbligo la visita alla cascata del fiume Carpino in contrada " Schioppo", alla quale si giunge percorrendo un sentiero nelle vicinanze della cappella della Madonna del Buon Consiglio. Per i più esperti, in località "Fontanelle" c'è una splendida grotta naturale, al cui interno sono presenti interessanti stalagmiti.

Lo stemma, concesso con Decreto del Presidente della Repubblica, raffigura un uccello variopinto posato su un ramo verde in campo d'oro.

Il monte di Carpinone 'Tutti i santi' prende il nome dalla presenza di un monumento sotterraneo di origini cristiane, costituito da un grosso ambiente al cui interno si svolgevano le funzioni religiose ed intorno al quale si trovavano le catacombe in cui venivano sepolti i credenti. Ad esso si accedeva tramite una galleria che fu però chiusa da un contadino con terra di riporto, perchè infastidito dall'incessante passaggio delle genti sulla sua proprietà. Con la copertura definitiva di questa entrata si è persa ogni traccia del monumento. Nel 1993 durante la costruzione di una abitazione nella località Sant'Anastasio, casualmente sono venute alla luce delle tombe contenenti ossa umane, che farebbero pensare alla riscoperta del monumento sotterraneo.

Come raggiungerci

Da Roma Uscita San Vittore dir. Isernia. Giunti presso il capoluogo di Provincia procedere lungo la s.s. 17 direzione Campobasso. Svoltare sulla S.S. 85 in direzione Carpinone. Da Napoli Uscita Caianello dir. Venafro-Isernia.

Mappa
GIS
Azioni sul documento
Abitanti: 1218, Carpinonesi
Santo Patrono: San Rocco
Superficie: 32.47 Kmq
Altitudine: 635 m
Distanza da Isernia: 10.0 Km
Carpinone
  • Borghi e centri storici Borghi e centri storici
  • farmacia farmacia
  • punto di ristoro punto di ristoro